Blog

Ciottoli di mare

La nuova me

Amati

Amati che è facile prendere un aereo con la tua famiglia e cambiare aria. Amati quando al fianco, nel bus che ti porta a Termini, hai a fianco la tua primogenita. La tua prima principessa. Amati quando senti papà scherzare sul sedile di dietro, con la Lilliput di casa. Amati quando mamma ha male alleContinua a leggere “Amati”

Con le mani

Con le mani sbucciLe cipolleMe le sento addossoSulla pelle E accarezzi il gattoCon le maniCon le mani tu puoiDire di sì Cantava Zucchero nel 1987. Avevo undici anni all’epoca e pensavo che, nonostante fossi un’onicofagica compulsiva, avessi comunque delle belle mani. Certo non da pianista, con dita lunghe e affusolate, ma comunque delle mani proporzionateContinua a leggere “Con le mani”

Un anno fa

Ho sempre avuto una grande passione per l’agiografia, pur non inserendola nel piano di studi universitario, perché amando la storia dell’arte, per forza di cose, ti appassioni anche alla vita dei santi, che per secoli furono, quasi, gli unici soggetti degli artisti. In particolare mi sono appassionata alla vita dei santi martiri e al martirioContinua a leggere “Un anno fa”

Spine di carciofo

Quest’inverno mi è capitato spesso di pungermi con le spine dei carciofi. Fa malissimo. Almeno questo era il modo di mio marito di condivivere, con le nostre figlie, il mio malessere. Io non avrei voluto lo facesse, invece rientrando a casa da scuola, una volta in macchina, lui se ne usciva quotidianamente con: La sapeteContinua a leggere “Spine di carciofo”

E siamo a cinque!

Stamattina ho la quinta terapia monoclonale. La sala d’attesa, prima delle nove, era vuota quando sono entrata. Ora inizia a riempirsi. Sono volti noti alcuni. Li conosco dall’estate scorsa. Altri non li ho mai visti. Dopo mezz’ora la sala risulta decisamente affollata e preferisco uscire e aspettare in piedi. Mi concentro allora sulle mie mani.Continua a leggere “E siamo a cinque!”

Un cielo senza nubi

Il cielo terso di oggi mi ha fatto pensare ad un artista che ho molto amato negli anni giovanili: Beato Angelico. Siamo a metà del Quattrocento e siamo ben lontani dalle pennellate approssimative, ma così tanto emozionali, degli Impressionisti, mentre l’influenza di Giotto è ancora molto visibile nella prospettiva bidimensionale. Apprezzo dell’Angelico la nitidezza delContinua a leggere “Un cielo senza nubi”

Si fa presto a dire chemio (Parte VI)

Sono stata fortunata, furono pochi i sintomi post terapia di cui soffrii. I dodici cicli mi regalarono giusto una sete tremenda, una bocca asciutta mai vista; comparvero afte e lesioni nella cavità che lenii con risciacqui, collutori e posizionando cotton fiocchi imbevuti di soluzioni medicali: imparai a fare un’igiene dentale molto molto più approfondita delContinua a leggere “Si fa presto a dire chemio (Parte VI)”

Si fa presto a dire chemio (Parte V)

Il post-intervento lo passai tra le numerose medicazioni, effettuate in chirurgia plastica, nel palazzo Clemente e il mio personalissimo percorso di accettazione. Durò sei mesi. Accettare la grave patologia e accettare di essere malata. Accettare il nuovo seno. Accettare il protocollo. Accettare di avere il codice 048 di esenzione dal ticket, per i prossimi cinqueContinua a leggere “Si fa presto a dire chemio (Parte V)”

Benvenuti a casa nostra!

A.A.A. Cercasi casa disperatamente! E con quella di ieri saranno… boh, forse venti, le case che abbiamo visitato in presenza. Quelle viste nei vari siti e motori di ricerca nel web invece, senza scherzare, non si contano! Da metà luglio cerchiamo casa. O meglio cerchiamo di acchiappare quel satellite che si chiama Luna! Perché unaContinua a leggere “Benvenuti a casa nostra!”

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.


Segui il mio blog

Ottieni i nuovi contenuti, spediti direttamente nella tua casella di posta.